NAPOLI, I VOLI SULLA “TESTA” DEL QUARTIERE VOMERO: “PAURA E INQUINAMENTO ACUSTICO”

” Il Vomero scende ancora una volta sul piede di guerra. Così dilaga la protesta per liberare il  cielo  della collina partenopea dalle decine di aerei che quotidianamente lo sorvolano a bassa quota,  con una media di uno ogni cinque minuti in alcune ore della giornata. Aerei che producono non solo inquinamento atmosferico e acustico ma anche tanta paura e preoccupazioni per il timore che, prima o poi, qualcuno di essi possa cadere sulla testa degli inermi residenti. Il tutto finalizzato alla necessità che si proceda, in tempi rapidi, a concretizzare il progetto che la Regione, già alla fine degli anni ’90 aveva varato con il piano aeroportuale della Campania, il quale destinava Capodichino ad un semplice City airport e rilanciava gli aeroporti civili di Grazzanise e Pontecagnano, in particolare per il traffico internazionale e intercontinentale “.

A rilanciare la questione è Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, già presidente della Circoscrizione Vomero. “Sulla vicenda – prosegue Capodanno – , negli ultimi tempi, si registra una grande compattezza, testimoniata dalle proteste di tantissimi cittadini e associazioni di fronte alla vera e propria “aggressione da aeroplani” presenti in diversi quartieri della città “.

“ Un problema – sottolinea Capodanno – che è presente da quando furono cambiate le rotte che precedentemente andavano “verso la campagna” mentre attualmente sorvolano zone come il Vomero, dove si registra una delle più alte densità di abitanti di tutto il Paese, con ben 24mila residenti a chilometro quadrato “. 

“ Vi sono ben tre convitati di pietra in questa questione che da anni interessa la Città – sottolinea Capodanno -. L’amministrazione comunale con un sindaco che, pur essendo per legge il massimo responsabile per la salute dei cittadini, non ha sino ad oggi speso una parola al riguardo. Poi la Provincia di Napoli che, nonostante la specifica competenza in materia ambientale, non risulta che si sia mai espressa. Infine la Regione Campania che marca clamorosi ritardi nella delocalizzazione dell’aeroporto di Capodichino  “

“Purtroppo – conclude Capodanno -, a fronte alle istante e alle proteste dei napoletani, continuano a prevalere logiche meramente commerciali che non tengono conto dei disagi e delle ripercussioni sociali che comporta il forte aumento  del numero di passeggeri in transito, con l’attivazione delle nuove rotte che comportano il passaggio degli aerei su buona parte della città prima di raggiungere il mare. E’ auspicabile che, in tempi rapidi, vengano convocati i consigli regionale, provinciale e comunale di Napoli perché si esprimano sull’annosa vicenda dell’aeroporto di Capodichino, eliminando definitivamente  le “servitù da aerodotto” con le conseguenze negative e le preoccupazioni che i napoletani da decenni devono tollerare per la presenza di questa struttura nel pieno centro urbano della città “.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.