ELEZIONI, SALVINI IN CAMPANIA: ATTACCA DE LUCA, CONFERMA PATTO PER NAPOLI E MINISTERO SUD

“Prima il nord” sembra un lontano ricordo per Matteo Salvini. Nella due giorni in Campania il leader della Lega parla del Patto per Napoli, attacca De Luca, incontra gli allevatori e annuncia la conferma del Ministro del Sud.

“Il Patto per Napoli verrà riconfermato – assicura il leader della Lega Matteo Salvini – tutti gli aiuti previsti per i comuni in difficoltà al Sud, al Centro e al Nord – dice da Napoli dove ha incontrato una delegazione di tassisti – vanno assolutamente mantenuti in un momento in cui i Comuni pagheranno delle bollette energetiche folli. Sono a rischio di chiusura case di riposo, scuole materne, uffici comunali, quindi gli aiuti ai comuni non vanno toccati. Certo bisogna avere sindaci che questi soldi li spendano bene. Diciamo che tutti i sindaci di sinistra che si sono succeduti a Napoli non hanno brillato per buona amministrazione e per utilizzo del denaro pubblico. Però non ci possono rimettere i cittadini”.

“Chi come nuovo ministro del Sud? – Domanda Salvini – Una mezza idea ce l’ho, ma prima aspetto il voto degli italiani. Sarà un meridionale, ovviamente. Siamo una forza autonomista, in Campania candidiamo campani, in Sicilia candidiamo siciliani e in Abruzzo candidiamo abruzzesi. Altri partiti candidano gente a caso in giro per l’Italia, in Campania sono orgoglioso delle liste che abbiamo presentato”.

Poi il capo del Carroccio parla a braccio sul Mezzogiorno e di lavoro: “per me centrale è il lavoro soprattutto al Sud. Non i bonus, gli aiutini, ma il il diritto al lavoro e le infrastrutture. Sono stato prima a Giugliano, la battaglia alla camorra da ministro la porto nel cuore e non vedo l’ora che il prossimo governo torni ad avere al centro la battaglia contro ogni tipo di mafie. Ma anche là mi dicevano che non trovano manodopera nei loro locali perché c’è gente che dice “non mi conviene”.

“Al centro quindi il lavoro – aggiunge – superare l’emergenza rifiuti che è paradossale c’è qualcuno che ci guadagna dall’emergenza rifiuti, quindi trasformare i rifiuti in ricchezza, calore ed energia e lavoro, lavoro, lavoro, son contento. Poi per carità a Napoli non sono 500mila, sono quasi 3mila i tassisti e per me aver salvato 3mila posti di lavoro è motivo d’orgoglio”.

Sempre ieri Salvini ha incontrato gli allevatori bufalini del casertano in vertenza da mesi contro la Regione Campania: “l’uomo è ciò che mangia, se mangia bene viene su un uomo perbene, se mangia schifezze viene su una schifezza”. Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini nel suo intervento dal palco di Grazzanise (Caserta), dove ha incontrato gli allevatori bufalini in presidio contro le politiche della Regione Campania sul tema della brucellosi, spiegando il perché della scelta di occuparsi di questioni di cui dovrebbero occuparsi altri”.

Gi fa eco il consigliere regionale Gianpiero Zinzi: “La presenza a Borgo Appio di Matteo Salvini, primo leader nazionale ad aver risposto all’appello lanciato dal coordinamento degli allevatori, è un segnale importante. Non è più tempo di pacche sulle spalle, dopo le proteste e le manifestazioni tocca alle istituzioni fare la propria parte. Dinanzi a un governo regionale sordo e cieco, spetta al prossimo governo nazionale avviare un cambio di passo e sarà il centrodestra a portare in Parlamento il dibattito sulla nuova riforma agraria di cui ha bisogno la nostra terra”.

E anche per Severino Nappi, candidato per la Lega alla Camera, “nel corso dell’incontro a Giugliano, Matteo Salvini e la Lega hanno confermato l’impegno preso con i cittadini per risolvere il dramma della Terra dei fuochi, nella morsa perenne della criminalità organizzata e dell’inquinamento. La Lega è stato l’unico partito che finora ha mostrato attenzione reale per i territori, ed ha agito con i fatti, come dimostrano l’aumento delle unità di forze dell’ordine a Caivano, e il potenziamento della rete di videosorveglianza”

Infine Salvini attacca il governatore della Campania: “non vedo l’ora che arrivi il 25 settembre per dare voce alla Giugliano perbene e alla Campania perbene che ne ha le scatole piene di De Luca, la sinistra, i suoi amichetti, la terra dei fuochi, le ecoballe e di morire perché qualcuno non e capace di fare il suo lavoro”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.