NAPOLI, ALLARME PER IL VERDE PUBBLICO AL VOMERO: “STRADE INVASE DA CIMICI E ZANZARE”

Fioccano le proteste da parte degli abitanti della municipalità collinare, che comprende i quartieri del Vomero e dell’Arenella per lo stato di degrado e d’abbandono nel quale versa il poco verde pubblico a disposizione dei circa 120mila napoletani che risiedono in zona. A raccogliere le tante segnalazioni, presenti anche sui social network, è Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, già presidente della Circoscrizione Vomero.

“Il problema è – sottolinea Capodanno – che questo stato d’abbandono del verde pubblico, che non riguarda solo i parchi e i giardini, come il parco Mascagna, ma anche le aiuole e le alberature stradali, in uno alla presenza costante di cumuli di spazzatura, produce ripercussioni anche di altra natura. Solo per esemplificare, nell’area tra piazza Immacolata e piazza Medaglie d’Oro viene segnalata la presenza di sciami di moscerini e di zanzare, mentre nelle isole pedonali di via Scarlatti e di via Luca Giordano, sui passanti ma anche sulle persone che siedono ai tavoli dei numerosi bar e pizzerie presenti in zona, continuano a “piovere” dalle alberature stradali le “cimici del platano” “.

“C’è poi il  giallo ancora insoluto della morte di numerosi alberi – puntualizza Capodanno -. Difatti, da diverso tempo a questa parte sono scomparse numerose alberature stradali tagliate, lasciando nella fonte il solo ceppo, quindi senza neppure la possibilità in immediato di sostituirle “.

“La vicenda è risultava ancora più evidente – puntualizza Capodanno – con l’arrivo della bella stagione dal momento che sui rami delle alberature morte, a differenza delle altre, non sono spuntate gemme e foglioline. La qual cosa ha messo ancora più in risalto la gravità del problema nell’area collinare della città “.

“Ma – prosegue Capodanno – la situazione più eclatante si registra in via Tino di Camaino, l’arteria stradale che collega piazza Medaglie d’Oro con piazza degli Artisti. Negli anni scorsi, dopo numerose petizioni e proteste, la strada in questione era stata completamente alberata. Attualmente sono ben 11 le alberature morte  che si contano complessivamente lungo entrambi i marciapiedi. Ma non va meglio per quelle rimaste dal momento che, non essendo state mai potate, presentano rami oramai cresciuti ad altezza d’uomo, raggiungendo le finestre dei piani bassi dei fabbricati adiacenti “.

Sui problemi evidenziati Capodanno chiede l’immediato intervento degli uffici comunali competenti anche con la calendarizzazione, in tempi brevi, di una campagna di attività, tesa alla disinfestazione da zanzare, mosche e cimici, da aggiungersi a quella per la deblattizzazione e per la derattizzazione, rimuovendo nel contempo le cause dei fenomeni riscontrati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.