NAPOLI, IN CONSIGLIO LA DELIBERA PER RIQUALIFICARE IL CENTRO STORICO DA 71, 5 MILIONI

Alla presenza di 24 consiglieri e presieduti da Enza Amato, sono iniziati i lavori del Consiglio comunale. Dopo gli interventi su questioni urgenti ai sensi del Regolamento comunale e il minuto di silenzio per la morte Antonio Scippa, assessore delle giunte Valenzi, si è discusso della deliberazione di Giunta n°234 del 5 luglio con oggetto la presa d’atto degli interventi finanziati con risorse FSC 2014-2020 per un valore complessivo di 71 milioni e mezzo, con variazione di bilancio nell’ambito del Contratto Istituzionale di Sviluppo (CIS) “Napoli-Centro Storico”: 9 progetti di riqualificazione.

Dopo la relazione dell’assessora all’Urbanistica e il dibattito in Aula, la delibera è stata approvata a maggioranza con l’astensione del gruppo di Forza Italia e del consigliere Giorgio Longobardi.  

Il Contratto Istituzionale di Sviluppo prevede, infatti, interventi di riqualificazione nel centro storico patrimonio UNESCO finanziati con risorse del Fondo Sviluppo e Coesione del 2014-2020, di cui 3 milioni di euro per la riqualificazione delle aree di accesso al Bosco di Capodimonte, che verrà realizzato in sostituzione dell’intervento per la realizzazione del parcheggio dei bus turistici al Garittone.

Per questo è stata approvata a maggioranza, con l’astensione di Forza Italia e del consigliere Longobardi, anche la mozione firmata da tutti i gruppi consiliari che impegna l’amministrazione a prevedere la riqualificazione dell’ex Deposito Garittone nell’ambito del bilancio di esercizio 2023-24.

Approvato all’unanimità l’ordine del giorno che impegna il Sindaco e la Giunta a valorizzare la Galleria Principe di Napoli, oggetto di interventi pari a 10 milioni promosso dal Contratto Interistituzionale di Sviluppo, e di valorizzare anche le imprese culturali e sociali nate all’interno della galleria in sinergia con gli enti pubblici. 

Approvata all’unanimità la deliberazione di Giunta n°298 del 3 agosto di proposta al Consiglio presentata dall’assessore alle Infrastrutture che prevede l’approvazione della variante urbanistica al PRG per l’ampliamento del deposito mezzi di trazione e officina di manutenzione della linea 1 della metropolitana di Napoli nella località Piscinola.  

Successivamente il Consiglio ha eletto Costantino Sessa quale presidente dell’organo di Revisione economico-finanziaria del Comune di Napoli per il triennio 2022-2025. Sessa è stato eletto con 25 voti a favore e 3 schede bianche e emendato e approvato all’unanimità la deliberazione di iniziativa consiliare sulla nomina dell’organo di Revisione economico-finanziaria del Comune di Napoli per il triennio 2022-2025.  

Trasformato in raccomandazione l’ordine del giorno avente come oggetto la tutela del trasporto pubblico non di linea e approvato all’unanimità l’ordine del giorno che invita l’Amministrazione alla salvaguardia lavorativa del personale delle ditte impegnate nella gestione del servizio di notifica e gestione delle sanzioni amministrative derivanti da infrazione al CdS. 

Emendato e approvato all’unanimità un altro ordine del giorno che impegna la Giunta ad integrare con una quota della tassa di soggiorno le risorse destinate alle spiagge pubbliche del litorale partenopeo e a verificare le procedure amministrative e giuridiche per prorogare al 30 ottobre 2022 la chiusura della stagione di balneazione. 

La seduta è terminata con l’approvazione di un ordine del giorno sottoscritto da tutti i gruppi consiliari che impegna il Sindaco e l’Amministrazione a mettere in campo azioni a sostegno della vertenza dei disoccupati di lunga durata. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.