NAPOLI, RIENTRO CON IL CAOS TRAFFICO. OGGI CHIUSA LA FUNICOLARE E IN MIGLIAIA ALLO STADIO

Fine smart working, concorsi, rientro dalle ferie. La miscela perfetta per far impazzire di traffico Napoli che non offre trasporto pubblico all’altezza. E oggi con la funicolare centrale chiusa e la concomitanza della partita allo stadio Maradona con oltre 50mila tifosi rischia un vero e proprio caos.

Vomero: tappeto di auto

“Ieri nell’ambito della municipalità collinare, che comprende i quartieri del Vomero e dell’Arenella, si sono registrate scene da inferno dantesco con il traffico che è andato letteralmente in tilt, interessando in particolare uno dei nodi nevralgici della viabilità veicolare, piazza Medaglie d’Oro ma estendendosi poi in tutta l’area circostante. Imbottigliati  anche i mezzi di soccorso e diverse ambulanze, con sirene e clacson strombazzati che hanno fatto salire alle stelle l’inquinamento acustico e ambientale “.  A segnalare la gravità della situazione è Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, già presidente della Circoscrizione Vomero.

“Sicuramente una delle cause principali di quanto si è verificato in mattinata – afferma Capodanno – è da ricercarsi nel fatto che proprio stamani  sono ripresi i lavori, iniziati un anno fa ma poi interrotti, con la posa del manto di usura della pavimentazione stradale in via Giacinto Gigante, nel tratto tra piazza Muzii e via Confalone, lavori che dureranno fino al 9 settembre prossimo “.

“Un intervento – sottolinea Capodanno –  che andava effettuato nel periodo estivo e non certo adesso che la maggior parte dei napoletani sono rientrati dalle ferie con la ripresa di tutte le attività. Una vicenda che la dice lunga sull’incapacità dell’amministrazione comunale di programmare gli interventi adeguandoli alle esigenze del territorio “.

“Ma non finisce qui – puntualizza Capodanno -. Oggi per tutta la giornata e il giorno successivo, 8 settembre, fino alle 15:00, come annunciato con avvisi affissi all’ingresso delle stazioni, si ferma la funicolare Centrale per non meglio precisati lavori di manutenzione straordinaria, appiedando così i circa 30mila utenti, tra i quali tanti lavoratori, che mediamente ogni giorno utilizzano l’importante impianto a fune. Il tutto senza che, allo stato, risulti che siano stati disposti soluzioni alternative, anche con mezzi sostitutivi su gomma, per collegare le quattro aree interessate, da piazza Fuga, a piazzetta Duca D’Aosta, passando per il Petraio e  per il corso Vittorio Emanuele “.

“Perché questi lavori di manutenzione straordinaria, così come accadeva quando la funicolare Centrale era gestita da una società privata non vengono effettuati dopo le 22:00 quando l’impianto è chiuso al pubblico – domanda Capodanno -? E perché, laddove non fosse stato possibile realizzarli nelle ore post serali e notturne, non sono stati effettuati nel periodo estivo quando sicuramente avrebbe avuto un minor impatto sull’utenza? “. Domande che attendono risposte  dall’ANM ma anche dall’assessore comunale Cosenza.

“Intanto – conclude Capodanno – prepariamoci a due giorni di fuoco e non solo per le temperature ancora estive ma principalmente sul fronte del traffico, visto che la chiusura della funicolare Centrale non potrà che peggiorare le condizioni del traffico già caotiche “.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.