NAPOLI, VALANGA DI VOTI PER M5S CHE SEPPELLISCE PD E SINISTRA IN PROVINCIA E NEI RIONI POPOLARI

Napoli a 5 Stelle, una valanga di voti per il Movimento di Giuseppe Conte in città e provincia: nel territorio cittadino arriva al 43%. M5S ha sepolto completamente centrosinistra e sinistra, soprattutto nei rioni popolari dove in alcuni casi supera il 60%.

Questo dato arriva nella città dove ha votato 1 elettore su 2 ma che può incidere anche sul futuro della politica locale a partire dagli equilibri di Palazzo San Giacomo. Napoli era stata scelta come luogo di colleghi per leader nazionali e personaggi di rilievo, tutti fuori dal Parlamento: da Luigi Di Maio a Sandro Ruotolo fino a Valeria Valente. Travolta anche Unione Popolare che in alcuni quartieri come San Giovanni prende solo 152 voti.

Il cappotto

Tutti i collegi uninominali di Napoli e provincia, tra Camera e Senato, sono stati vinti dal Movimento 5 stelle. A Casoria vince Pasqualino Penza eletto deputato (47,2%) contro Monica Maisto (centrodestra, 25,45%) e Vincenzo Spadafora (centrosinistra, 19,12%).

A Giugliano in Campania Antonio Caso (M5s, 42,58%) si aggiudica il seggio della Camera. Sconfitti Domenico Brescia (centrodestra, 30,29%) e Fiorella Zabatta (centrosinistra, 18,91%). Ad Acerra Carmela Auriemma con il 43,69% batte Paolo Siani (centrosinistra, 23,61%) e Maria Concetta Donnarumma (centrodestra, 23,56%).

Il collegio uninominale del Senato di Torre del Greco va ad Orfeo Mazzella che con il 35,24% delle preferenze supera di un nulla la candidata del centrodestra Pina Castiello (34,41%). Infine, ad Acerra Raffaele De Rosa (38,48%) porta a casa il seggio contro Claudio barbaro (centrodestra, 31,06%) e Leonardo Impegno (centrosinistra, 21%). Completano la rosa dei vincenti alla Camera Sergio Costa, Dario Carotenuto, Carmela Di Lauro e Gaetano Amato. Al Senato Ada Lopreiato e Maria Domenica Castellone.

Plebiscito nei quartieri popolari

Con eccezione di Vomero e Posillipo, dove comunque M5S resta primo partito anche se con percentuali minori, siamo di fronte a un’onda gialla nei quartieri popolari. Nelle Municipalità di Scampia e Secondigliano il partito di Conte sfiora il 60%, stessa storia a Napoli Est mentre nella periferia ovest sfiora il 50% come nella zona Vicaria-Poggioreale.

Nei quartieri del centro storico è nella media cittadini fino a sfiorare il 50% come nella Terza Municipalità. Se guardiamo ai singoli quartieri come Scampia e Miano Dario Carotenuto ha ottenuto, rispettivamente, il 64,6% e il 63,14% delle preferenze, Ada Lopreiato il 63,76% e il 62,33%. 

Nella città della “rivoluzione arancione” il voto delle fasce popolari è nelle mani del Movimento come nel 2018: Napoli e il Sud a 5 Stelle ha fatto reso residuale Pd e ininfluente altre formazioni di sinistra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.