SICILIA, STABILIZZAZIONE PRECARI DELLA SANITÀ. CIMO: “LE AZIENDE VANNO IN ORDINE SPARSO”

“Non è una novità assoluta, né ci poteva attendere diversamente in un momento storico in cui il nuovo Governo Regionale non si è ancora insediato e non abbiamo ancora il nuovo Assessore Regionale della Salute, ma da questo al ‘liberi tutti e avanti in ordine sparso’ ce ne corre”. 

Così, in una nota congiunta, il segretario regionale CIMO (Confederazione Italiana Medici Ospedalieri) Giuseppe Bonsignore e il presidente regionale della Federazione CIMO-FESMED (Federazione Sindacale Medici Dirigenti) Riccardo Spampinato. 

“Tuttavia, è proprio quello che stiamo registrando in questi giorni – evidenziano i due sindacalisti – a proposito delle procedure di stabilizzazione previste dalla Legge di Bilancio 2022, quelle, per intenderci, che dovevano rappresentare una sorta di premio per il personale sanitario e sociosanitario che è stato impegnato durante l’emergenza pandemica. Al contrario di quanto avvenuto in passato con le stabilizzazioni frutto dell’ormai famoso Decreto Madia, per accedere a questa nuova tornata di superamento del precariato basta essere stato assunto a tempo determinato con procedura concorsuale ed avere accumulato adesso un’anzianità di servizio alle dipendenze di un ente del SSN pari non più a 36 mesi ma soltanto di 18 mesi al 30 giugno 2022 di cui almeno 6 mesi dopo il 31 gennaio 2020”. 

“Accade adesso che, in mancanza di specifiche linee guida emanate dalla Regione – sottolineano Bonsignore e Spampinato – le aziende sanitarie siciliane stanno utilizzando criteri difformi le une dalle altre con il rischio di combinare un vero e proprio pasticcio giuridico. Se in alcune aziende, pur rispettando il requisito attuale del contratto a tempo determinato, viene fatta valere ai fini della stabilizzazione anche l’anzianità acquisita con rapporti di lavoro flessibile (cococo e libero professionale) in altre aziende viene conteggiato solamente il periodo a tempo determinato. Quindi un medico precario all’azienda Policlinico di Palermo verrà stabilizzato mentre suo omologo in possesso di identici requisiti ma in servizio a Villa Sofia – Cervello verrà rispedito a casa, e questo solo per fare un esempio”.

“Siamo in presenza di una discriminazione inaccettabile – concludono Bonsignore e Spampinato – che peraltro apre ovviamente le porte al contenzioso e rischia di innescare una valanga di ricorsi. Abbiamo chiesto all’Assessorato di verificare quanto sta accadendo nelle ‘17 Repubbliche Autonome’ che popolano la sanità regionale e di intervenire con estrema rapidità anche in considerazione dei tempi ristretti per poter completare le procedure oggetto del contendere”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.